Ordinato entro le 16:00, spedito lo stesso giorno - Ordini superiori a 65,- consegnato gratuitamente

L'ossidazione del vino presenta vantaggi e svantaggi. Il vino ossidato può essere gustoso o viziato.

Che cos'è l'ossidazione nel vino e puoi bere vino ossidato?

L'ossidazione è un processo che può rovinare cibo e vino. Tuttavia, non tutta l'ossidazione è negativa: i vini ossidanti sono in realtà piuttosto buoni. Scopri di più sulla differenza tra questi due tipi di vino.

Il processo desiderato

Nella vinificazione, l'ossidazione è un processo desiderabile per produrre determinati aromi. Tuttavia, troppa ossidazione può rovinare un vino. Sono molti i fattori che contribuiscono all'ossidazione del vino, tra cui la presenza di ossigeno, luce e calore.

Quando questi elementi entrano contatti venite con il vino, possono rovinarlo. Ecco perché è importante che i produttori di vino controllino attentamente il processo e si assicurino che il vino non si ossidi troppo.

Cos'è l'ossidazione del vino?

L'ossidazione del vino è un processo naturale che si verifica in tutti i vini, ma può essere rallentato conservando il vino in un luogo fresco e buio e contatti con ossigeno. Uno cantina o una cantinetta vino è la soluzione ideale per questo. Il vino che si è ossidato spesso non è stato adeguatamente conservato e dovrà essere consumato o scartato subito dopo l'apertura. Ci sono alcuni vini che sono intenzionalmente esposti all'ossigeno per creare un particolare profilo aromatico, ma questi vini non sono pensati per essere conservati per lunghi periodi di tempo.

L'ossidazione del vino è una reazione chimica che avviene quando il vino viene esposto all'ossigeno. L'esposizione all'ossigeno fa sì che il vino cambi colore e sviluppi un sapore aspro. La quantità di tempo in cui il vino è esposto all'ossigeno determina quanto cambia colore e gusto. Il vino troppo ossidato non è bevibile.

In che modo l'ossigeno influisce sul vino?

Quando il vino è esposto all'ossigeno, può causare l'ossidazione del vino. Questo dà al vino un gusto diverso e aroma rispetto a quando è stato imbottigliato per la prima volta. Il grado di ossidazione che si verifica dipende dalla quantità di ossigeno presente e da quanto tempo il vino vi è esposto.

Se un vino è altamente ossidato, può farlo sottaceti o ottenere un sapore di aceto. Tuttavia, se l'ossidazione è leggera, può solo far perdere al vino il suo fruttato o la sua freschezza. Per evitare che il vino si ossidi, è importante conservarlo in un luogo buio e protetto fresco dove entra poco ossigeno. Anche la conservazione del vino è un processo importante da non sottovalutare.

L'effetto della luce sul vino

Il vino è una bevanda complessa che può essere fortemente influenzata dalla luce. Il vino esposto alla luce solare diretta o alla luce fluorescente/LED può subire ossidazioni, conferendogli un sapore e un odore indesiderabili. In generale, il vino va conservato in un luogo buio e non esposto alla luce.

Tuttavia, alcuni vini sono pensati per essere gustati ancora giovani e freschi, quindi dovrebbero essere bevuti subito dopo l'apertura. Questi vini non dovrebbero essere conservati a lungo, poiché si deteriorano rapidamente di qualità.

L'esposizione prolungata del vino alla luce solare non va bene
L'esposizione prolungata del vino alla luce solare non va bene

Gli effetti del calore sul vino

Il calore del sole o il calore di un forno da cucina possono accelerare le reazioni chimiche che provocano il deterioramento del vino. Il calore può anche far evaporare il vino, con conseguente perdita di volume e sapore.

Il vino che è stato conservato in un luogo caldo ha spesso una sfumatura brunastra sulla superficie, chiamata ossidazione. Questa è la prova che il vino è stato danneggiato dall'ossigeno. Il vino ossidato avrà un sapore e un odore di muffa. Non è sicuro da bere e dovrebbe essere gettato via.

È sicuro bere vino ossidato?

Non esiste una risposta giusta a questa domanda in quanto dipende dall'individuo. Alcune persone trovano sgradevole il vino ossidato, mentre altri sembrano non notare alcuna differenza. In generale, tuttavia, il vino che è stato lasciato ossidare avrà un sapore più intenso e meno intenso sottaceti essere. Se non sei sicuro che ti piaccia o meno il vino ossidato, è meglio iniziare con un piccolo sorso prima di bere un bicchiere intero.

Detto questo, ci sono alcuni rischi associati al consumo di vino ossidato. Quando il vino viene esposto all'ossigeno, può scomporsi e formare composti nocivi chiamati acetaldeidi. Questi composti possono causare nausea e vomito, quindi è importante sapere quanto vino ossidato stai bevendo. Se si verificano effetti collaterali, smetti di bere immediatamente.

Posso usare il vino ossidato per cucinare?

Si discute molto se sia sicuro usare il vino ossidato in cucina se non è compatibile con a piatto† Alcuni dicono che l'alcol evapora lasciando solo il gusto, mentre altri sostengono che qualsiasi quantità di alcol rimasta nel cibo può essere pericolosa. È anche discutibile se il vino ossidato abbia ancora un valore nutritivo.

In generale, probabilmente è meglio non usare vino ossidato in cucina, soprattutto se lo stai servendo a bambini o donne in gravidanza. Tuttavia, se prevedi di usarlo, è meglio fare qualche ricerca su come farlo in sicurezza.

Come prevenire l'ossidazione del vino?

Il vino può essere danneggiato da un'eccessiva esposizione all'ossigeno, portando a sapori sgradevoli e invecchiamento prematuro. Per evitare ciò, assicurati che il tuo vino sia conservato correttamente in un luogo fresco e buio. Se si tratta di una bottiglia tappata, appoggiala in modo che l'aria non penetri direttamente nella bottiglia e il tappo rimanga bagnato.

La differenza tra vino ossidativo e ossidato è che il vino ossidativo è intenzionalmente esposto all'ossigeno mentre il vino ossidato deriva da un'eccessiva esposizione all'ossigeno. Il vino ossidante deve essere attentamente controllato per evitare che si ossidi.

In che modo l'ossigeno influisce sul vino?

Alcuni produttori di vino ritengono che l'ossidazione controllata fornisca ricchezza, complessità e desiderabile aromase gusti vini bianchi può aggiungere. Tuttavia, è importante trovare un equilibrio tra gli aromi primari e secondari, altrimenti il ​​vino si ossida.

Mentre ci sono molti vini noti per il loro uso della vinificazione ossidativa - cavalcato wijn come lo sherry e Madeira per esempio, nessuna regione abbraccia questo processo più del Giura nella Francia orientale.

Tecniche di vinificazione ossidativa

La regione francese del Giura è nota per la sua produzione di vini che utilizzano tecniche di vinificazione ossidativa. Questo processo, in cui il vino è esposto all'ossigeno, si traduce in sapori più ricchi e complessi che apprezzano gli appassionati di vino di tutto il mondo. Dal Giura vengono alcuni degli esempi più famosi di vini ossidanti, tra cui vini come Jurançon e Arbois. Se stai cercando un vino con un profilo aromatico unico, assicurati di provare una bottiglia del Giura!

La regione del Giura nella Francia orientale è nota per il suo uso di tecniche di vinificazione ossidativa. Questo processo aiuta a creare vini unici che sono apprezzati dagli amanti del vino. I vini prodotti nella regione francese del Giura abbracciano tecniche di vinificazione ossidativa. Questo può essere visto nei due stili principali di vino bianco che vengono prodotti lì: floreale (non ossidativo) e sous voile (ossidativo).

Alcuni vini vengono ossidati deliberatamente con tecniche diverse
Alcuni vini vengono ossidati deliberatamente con tecniche diverse

Complessità e gusto

L'ossidazione del vino è un processo che può aggiungere complessità e sapore alla bevanda. Nel Giura, in Francia, un tipo di vino chiamato vin jaune viene prodotto utilizzando una tecnica che espone il vino all'ossigeno in modo limitato, creando un profilo aromatico sfumato.

La tecnica di vinificazione ossidativa del Vin Jaune si traduce in un profilo aromatico unico, che può essere gustato nei vini del Savagnin, Chardonnay e misto brevettata vini del Giura. Attenzione ai vini ouillé, tuttavia, poiché indicano che il vino è stato prodotto in uno stile pulito e non ossidativo.

Concludere

L'ossidazione del vino è un processo complesso e affascinante che cambia il gusto, il aroma e può influire sulla qualità complessiva del vino. Sebbene ci siano alcuni fattori che sfuggono al nostro controllo, come il tempo atmosferico, ci sono molte cose che possiamo fare per ridurre al minimo o prevenire l'ossidazione del vino.

Seguendo alcuni semplici passaggi, possiamo garantire che il nostro vino rimanga fresco e delizioso per gli anni a venire. Conserviamo tutti i nostri vini in un luogo asciutto e fresco. Cosa ne pensi dell'ossidazione nel vino o hai mai assaggiato un vino ossidato? Facci sapere nel commento qui sotto.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati * *

Spedizione gratuita

Su tutti gli ordini superiori a 60,-

Pagamento sicuro al 100%

iDeal, Contanti bancari, Carta di credito, PayPal, Klarna

Spedito lo stesso giorno

Se ordinato prima delle 16:00

30 giorni per cambiare idea

Degustare il vino in tutta tranquillità

Diventa un intenditore di vino:

Ricevi le ultime novità sul vino direttamente nella tua casella di posta! Non perdere nessun aggiornamento esclusivo: iscriviti oggi!

Diventa un intenditore di vino:

Ricevi le ultime novità sul vino direttamente nella tua casella di posta! Non perdere nessun aggiornamento esclusivo: iscriviti oggi!

 

Successo!

Lo sconto è stato applicato. Lo vedrai alla cassa.

Inserisci il prodotto nel carrello

Aggiungi il prodotto al carrello per attivare lo sconto